Servizio di informazione, ricerca di informazioni, consigli tecnici, risparmio energetico, impianti panelli solari, analisi di investimento, reperimento delle migliori offerte per auto, abitazioni, indagini, inchieste di mercato, sondaggi, servizio informazioni globale per famiglie, pareri legali, professionisti e aziende, ottimizzazione siti web, servizi di pubblicità su internet (creazione campagne adword's e facebook), redazione comunicati stampa mirati, realizzazione video ricordo, eventi in italia, consulenze

People for Planet

Condividi contenuti
Aggiornato: 22 min 53 sec fa

Gli insetticidi sono velenosi!

Sab, 06/09/2018 - 02:21

Milioni di persone si avvelenano e avvelenano i loro cari perché usano vari tipi di insetticidi tossici senza capire come funzionano.
Ci sono, ad esempio, quelle belle macchinette che attacchi alla spina elettrica e che diffondono costantemente piccole dosi di insetticida. Le mettono nella camera della loro creatura e le lasciano accese tutta la notte. Eppure la pubblicità in tv (in fretta alla fine dello spot) dice che non puoi stare in una stanza con questi aggeggi accesi. E credo che il significato della frase “aerare i locali prima di soggiornare nuovamente” non sia difficile da comprendere. La cosa riguarda tutti i tipi di spray, zampironi e derivati… Ma questo particolare sfugge.
C’è chi è convinto che lo zampirone non faccia male perché è di origine vegetale. A questo proposito posso solo citare il saggio Lao Tze quando disse: “’Sta ceppa di cazzo!”

Milioni di madri amorevoli lavano pavimenti, tavoli e vestiti con graziosi prodotti che promettono di sterminare il 99% dei batteri.
In questo caso la pubblicità non te lo dice che se stermini i batteri buoni poi ti ammali tu e tuo figlio diventando una collezione di allergie. In effetti noi siamo esseri simbiotici e senza i miliardi di batteri eubiotici, che vivono in simbiosi con noi, non possiamo restare in salute.
Questo, lo ammetto, è un concetto più complicato. Ma internet è piena di centinaia di articoli e ricerche scientifiche che illustrano questo dramma planetario.
La maggioranza delle persone che pensano che i media fanno parte di un complotto malvagio e che la pubblicità mente, non sentono l’esigenza di informarsi su questa questione.
E anche se glielo dici, e lo capiscono, non vedono in questa storia una vera emergenza.
Lo stesso dicasi per chi continua a credere agli spot che magnificano la leggerezza dell’olio di girasole industriale e non viene loro in mente di leggere in rete alla voce: “Procedimento produzione olio semi”. Potrebbero scoprire che viene generalmente estratto bollendolo, bombardandolo con derivati della benzina e dell’acido solforico

Poi abbiamo i vegani bio che si avvelenano con gli incensi di pessima qualità (bruciano benzina sporca nell’alcova), i non fumatori osservanti che se ti vedono fumare gli piglia l’isteria predicozzante e poi si mettono la tutina e si fanno una bella corsa lungo la circonvallazione.
E ci sono quelli che quando hanno l’influenza prendono sempre gli antibiotici, che ammazzano i batteri… Peccato che l’influenza sia causata da un virus, che gli antibiotici gli rimbalzano.
Così alla lunga allevi dei batteri resistenti agli antibiotici. Anche perché non ci credi che devi fare la cura fino all’ultimo giorno anche se sei guarito… In Italia abbiamo il record europeo di infezioni batteriche resistenti agli antibiotici.
Milioni di persone soffrono di una lesione alla capacità di capire.
Muoiono con una frequenza pazzesca.

 

The post Gli insetticidi sono velenosi! appeared first on PeopleForPlanet.

Gela, la città con la più alta densità di blogger grazie al progetto 383 Blog per Gela

Sab, 06/09/2018 - 02:19

Il prossimo 9 giugno le 5 Scuole Medie Superiori Statali di Gela condivideranno con la città l’esperienza del progetto 383 Blog per Gela con una festa nella Villa Comunale della città.

383 Blog per Gela è un percorso didattico/formativo legato all’alternanza scuola/lavoro. L’iniziativa, ideata da Jacopo Fo e disegnata da Tiziana Freti, dà a ciascuno studente l’opportunità di implementare un proprio blog: elaborandolo nella struttura, imparando a fare ricerca di informazioni in rete, interpretando e verificando la veridicità delle notizie e scegliendo le parole-chiave capaci di far conquistare maggiore visibilità ai contenuti prodotti da ciascun blog.

383 studenti delle classi dell’ultimo biennio delle cinque Scuole Medie Superiori di Gela hanno lavorato da scuola e da casa, affiancati da docenti formati con un apposito stage, con il supporto di tutorial pubblicati sul magazine online Peopleforplanet.it. Gli incontri tra docenti del corso, professori tutor e alunni sono stati sia virtuali, via webinar, che diretti. Un World Café con studenti blogger e docenti tutor condotto da Tiziana Freti è servito a riconoscere valore alla corporeità dei rapporti tanto con i propri coetanei quanto con figure adulte di riferimento che hanno una funzione educativa, rassicurante e di sostegno.

Ogni studente blogger ha seguito un percorso della durata di minimo 72 ore, al termine del quale ogni partecipante è diventato padrone del blog realizzato, con la possibilità di trarre da esso anche potenziali opportunità per il lavoro futuro.

I blogger del progetto hanno costituito anche un gruppo su Facebook per condividere i post.

Il progetto iniziato a febbraio 2018, culminerà con la Festa del 9 giugno che rappresenta l’ultimo step necessario per allargare l’orizzonte dall’attività individuale ad una prospettiva collettiva di progetto comune e una coscienza di cittadinanza attiva. Il momento di condivisione finale aiuterà la città di Gela a confrontarsi con il punto di vista dei suoi giovani abitanti, i loro interessi e le loro specifiche modalità di aggregazione.

383 Blog per Gela è stata ed è un’esperienza appassionante” dice Jacopo Fo. “Il problema in Italia e nel mondo è la mancanza di passione. Se si fa qualcosa che davvero appassiona cambia la visione delle cose. A Gela siamo riusciti ad entusiasmare con le Scuole e i tutor 383 ragazzi sulla base di un obiettivo concreto, realizzare blog ideati dagli studenti per raccontare ciascuno la propria passione”. Il nemico da battere? “Il bullismo, l’apatia e la mancanza di passione”, è la risposta di Jacopo Fo.

383 Blog per Gela è un’iniziativa realizzata nel contesto del progetto “Gela: Le Radici del Futuro”, un programma di (ri)lancio di Gela concepito da Jacopo Fo e Bruno Patierno per Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) con il sostegno di Eni e il patrocinio del Comune di Gela.

Per info:
info@gelaleradicidelfuturo.it
Media: Claudia Faverio 3388280718

PROGRAMMA FESTA

Sabato 9 giugno, Villa Comunale di Gela, dalle 18,00 alle 22,00

h. 18: presentazione del progetto da parte di Jacopo Fo e saluti istituzionali
h. 18,30: presentazione dell’esperienza da parte dei rappresentanti dei 5 Istituti
h. 19,45: musica dal vivo e performance

Gli Istituti partecipanti sono:
IST. Eschilo; IST. Majorana; IST. Morselli; IST. Sturzo; IST. Vittorini.

Nella Villa Comunale saranno presenti i gazebo degli Istituti che proporranno alla cittadinanza i blog realizzati.

La partecipazione all’evento è gratuita.

 

The post Gela, la città con la più alta densità di blogger grazie al progetto 383 Blog per Gela appeared first on PeopleForPlanet.

Liu Bolin, l’uomo invisibile

Sab, 06/09/2018 - 02:00

Senza gli effetti speciali di Photoshop, passa ore a dipingersi per mimetizzarsi perfettamente nei suoi dintorni. Le sue impressionanti fotografie fanno sì che uno si fermi e guardi due volte prima di capire che c’è una persona lì. Riesci ad individuarlo?

 

The post Liu Bolin, l’uomo invisibile appeared first on PeopleForPlanet.

Direttive UE per l’edilizia sostenibile, è il momento di accelerare

Ven, 06/08/2018 - 03:39

Il cammino verso l’efficienza energetica degli edifici ha avuto inizio diversi anni fa e da allora molte leggi, riforme, decreti e direttive, hanno caratterizzato questo percorso, portandoci alla direttiva europea sull’efficienza energetica detta EPBD 2 (Energy Performance of Buildings Directive).

Una delle maggiori novità introdotte è il concetto di “Edifici ad energia quasi zero-NZEB (Near Zero Energy Buildings)”, descrizione destinata a tutti gli edifici “ad altissima prestazione energetica, con fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili, compresa l’energia da fonti rinnovabili prodotta in loco o nelle vicinanze.” Sono considerati NZEB gli edifici nei quali il bilancio tra energia consumata e prodotta è vicina allo zero e sono minimi i consumi per il riscaldamento, la climatizzazione, l’illuminazione, la ventilazione e la produzione di acqua calda sanitaria. Queste tipologie di abitazioni sono certificate da sistemi e standard come CasaClima, PassivHaus e Leed.

Lo standard Passivhaus tedesco, il nostrano Casaclima di Bolzano e lo statunitense Leed si sono orientati infatti verso il near zero richiedendo all’edificio di non superare determinati limiti di kWh/m2 anno (consumo totale di energia primaria per la climatizzazione- in regime continuo degli impianti 24 h- riferito all’unità di superficie utile) e di arginare la domanda di energia primaria al di sotto di tot kWh per metro quadro.

Una direttiva indispensabile per la riduzione sostanziale dei consumi energetici di un comparto decisamente molto inquinante e che delinea un quadro prescrittivo molto preciso, che spazia dalla definizione dei requisiti minimi per ciascun componente edilizio, fino alla definizione della strumentazione finanziaria.

Il miglioramento delle prestazioni energetiche previsto dalla direttiva coinvolge tutto il patrimonio immobiliare, dagli edifici di nuova costruzione fino agli edifici esistenti o ristrutturati, pubblici e privati e si esprime anche in merito ai sistemi tecnici dell’edilizia (impianti di riscaldamento, sistemi di produzione dell’acqua calda, impianti di condizionamento, ventilazione.
Le scadenze si stanno però avvicinando: dal 1° gennaio 2019 infatti tutti i nuovi edifici pubblici dell’Unione Europea (scuole, sedi comunali, biblioteche ecc..), e dal 1° gennaio 2021 tutti i nuovi privati, dovranno essere “near zero energy”.

Le disposizioni della direttiva sono state parzialmente recepite in Italia, è stato inserito il concetto di Prestazione energetica per gli attestati (APE) e sono stati istituiti gli incentivi del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici. Ma gran parte del cammino per raggiungere l’obiettivo ambizioso del quasi zero deve essere tracciato, e se si considera anche che gli edifici sono elementi fondamentali per le politiche di efficienza energetica dell’UE-  in quanto rappresentano circa il 40% del consumo di energia finale– si comprende anche com’è che nel 2016 sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE sono state pubblicate anche delle raccomandazioni (L 2L 208/46)  che la Commissione ha voluto mettere a punto per assicurare che tutti gli edifici di nuova costruzione siano NZEB entro la fine del 2020.
Nelle Raccomandazioni infatti si legge…gli Stati membri dovrebbero valutare il più rapidamente possibile l’opportunità di adeguare le pratiche esistenti. Si raccomanda altresì agli Stati membri di definire il meccanismo da utilizzare per controllare il conseguimento degli obiettivi in materia di edifici a energia quasi zero e considerare la possibilità di introdurre sanzioni […] Si raccomanda un collegamento più stretto tra le politiche, le misure e gli obiettivi in materia di edifici a energia quasi zero[…] La Commissione raccomanda inoltre agli Stati membri di accelerare l’elaborazione di politiche specifiche a sostegno della ristrutturazione degli edifici esistenti per trasformarli in edifici a energia quasi zero. Gli Stati membri dovrebbero elaborare insiemi coerenti di strumenti strategici per offrire agli investitori la necessaria garanzia di stabilità a lungo termine in materia di edifici efficienti

La lentezza anche italiana nel recepimento delle norme europee ha generato un paradosso: negli stessi giorni in cui l’Italia ha approvato i decreti su APE e prestazioni energetiche completando quindi il recepimento della direttiva del 2010, l’Unione europea ha avviato la revisione della 2010/31/CE (EPBD 2) prevista dalla Direttiva stessa per il 2017 con l’obiettivo di renderla ancora più stringente e ambiziosa.

Nella seduta del 17 aprile scorso, il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva la revisione della direttiva 2010/31/UE (EPBD 2) sulla base di tre direttrici:
– obbligo di migliorare la prestazione energetica di edifici nuovi e esistenti;
– strategie nazionali di ristrutturazione degli immobili e indicatori d’intelligenza;
– sostegno allo sviluppo di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici.

Seguendo il trend del settore edilizio, che ha visto l’attività di costruzione del ‘nuovo’ ridursi sensibilmente negli ultimi anni, la revisione della direttiva punta sull’efficientamento energetico in fase di ristrutturazione e fissa un nuovo obiettivo, questa volta a 30 anni: decarbonizzare fortemente il parco immobiliare entro il 2050, con tappe intermedie per il 2030 e il 2040.

C’è poi un’altra direttiva importante che riguarda il settore edilizio, anch’essa con scadenza al 2020, la direttiva 2008/98/CE che riguarda il riutilizzo e il riciclo dei materiali provenienti da costruzione e demolizione (C&D). Anche qui l’obiettivo è importante, il 70% di utilizzo di materiali da riciclo al 2020 e la necessità di accompagnare nei diversi Paesi, attraverso specifici provvedimenti, il target.

Lo scenario di evoluzione normativa e scadenze a breve è stato dunque tracciato in maniera forte e a 360° dall’Europa.

Molti sono i modi in cui la politica e gli enti deputati a legiferare o regolamentare, anche premiando, possono agire come volano per attuarne gli obiettivi. Questa prospettiva di innovazione ha bisogno di chiari indirizzi normativi per accompagnare e accelerare i cambiamenti negli interventi in edilizia. E il tempo è decisamente poco per arrivare al 2020. Governo, ma anche Regioni e Comuni possono e devono agire, e come suggerisce anche la raccomandazione del 2016:  in maniera rapida, coerente e finalizzata.

Vediamo alcuni esempi di come in Italia ci siamo mossi finora:

– Con Decreto interministeriale 19 giugno 2017 è stato approvato Il Piano d’Azione Nazionale per incrementare gli edifici a energia quasi zero (Panzeb), elaborato da un gruppo di lavoro composto da Enea, RSE e CTI, con il coordinamento del Ministero dello sviluppo economico, riporta anche una valutazione dell’indice di prestazione energetica per alcuni edifici aventi diversa tipologia edilizia, destinazione d’uso e zona climatica e analizza i sovra costi di investimento, per gli edifici nuovi e per quelli esistenti, connessi al raggiungimento delle condizioni di Nzeb.

– La Provincia Autonoma di Trento ha approvato un capitolato tecnico per l’utilizzo di riciclati nei lavori di manutenzione pubblica, ha introdotto un Piano di smaltimento dei rifiuti inerti, nel quale è stata data priorità al recupero e riciclo, e ha reso obbligatori gli acquisti verdi includendo anche gli aggregati riciclati, per almeno il 30% del totale.

– Con la Legge n.65/ 2014, emanata dalla Regione Toscana, i Comuni applicano incentivi economici mediante la riduzione degli oneri di urbanizzazione in misura crescente fino ad un massimo del 70%, a seconda dei livelli di risparmio energetico, di qualità ecocompatibile dei materiali e delle tecnologie costruttive utilizzate.

– La Regione Veneto promuove invece l’utilizzo di materiali ecologicamente compatibili, sulla base di requisiti minimi di valutazione, fra i quali la riciclabilità globale, la loro natura di materie prime rinnovabili, il contenuto consumo energetico richiesto per estrazione, produzione, distribuzione e smaltimento.

– La Regione Lombardia con Legge regionale n. 7 /2012, ha anticipato le disposizioni previste dalla Direttiva 31/2010 al 31 dicembre 2015, data a decorrere dalla quale tutte le nuove costruzioni, pubbliche o private, devono brientrare nella definizione di Nzeb. L’anticipazione permetterà di risparmiare al 2020 circa 80 mila tep/anno nello scenario alto e 70 nello scenario medio.

– La Provincia di Bolzano ha approvato la Delibera sull’efficienza complessiva degli edifici n. 362/2013 e successive modifiche, con l’obbligo di CasaClima di classe A per le nuove costruzioni a partire del 1 gennaio 2017.

– La Regione Emilia Romagna con Legge regionale n. 26/2004, modificata con Legge regionale n. 7/2015, ha previsto un anticipo di due anni rispetto alle scadenze nazionali (2017 per gli edifici pubblici e 2019 per tutti gli altri edifici) per l’obbligo di rispettare i requisiti Nzeb nel caso di edifici di nuova costruzione.

Secondo un’indagine effettuata dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano, alla fine del 2017 sono stati realizzati in Italia tra 650 e 950 edifici con sistemi ad alta efficienza Nzeb, di cui il 93% a uso residenziale, quasi tutti in Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto.

Il quadro mostra che ci sono stati passi avanti, iniziative che hanno anticipato le scadenze, definito strategie e azioni, fornito bonus, mutui agevolati, ma le scadenze si avvicinano e gli obiettivi sono ambiziosi rispetto a quanto realizzato: è venuto il momento di accelerare.

 

 

Immagini: Bioedilizia – Immagini di Armando Tondo

Fonti:

http://www.rinnovabili.it/greenbuilding/edifici-ad-energia-quasi-zero-un-passo-avanti-e-tre-indietro
http://www.nextville.it/news/1365
www.fonti-rinnovabili.it
Autore: Giorgio Tacconi, http://www.ingegneri.info/news/ambiente-e-territorio/edifici-a-energia-quasi-zero-nzeb-a-che-punto-siamo-in-italia
http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/documenti/PANZEB_13_11_2015.pdf
www.ediltecnico.it
http://m.edilportale.com/news/2018/04/risparmio-energetico/efficienza-energetica-entro-il-2050-gli-edifici-dovranno-essere-smart-e-a-energia-quasi-zero_63692_27.html

The post Direttive UE per l’edilizia sostenibile, è il momento di accelerare appeared first on PeopleForPlanet.

Dall’Italia i pioppi mangia farmaci che depurano l’acqua

Ven, 06/08/2018 - 02:54

Acquistati obbligatoriamente in quantità maggiore rispetto a quanto si necessita (vedi la campagna di People For Planet per la vendita di farmaci sfusi in Italia), vengono dimenticati in un cassetto e, superata la data di scadenza, smaltiti troppo spesso in modo improprio. A farne le spese non è solo il consumatore ma anche l’ambiente.

L’inquinamento da prodotti farmaceutici rappresenta un grave problema per l’ecosistema che, minacciato dalle alte concentrazioni di farmaci nelle acque, sembrerebbe già subire ripercussioni irreversibili. Antibiotici, ormoni, farmaci psichiatrici e antistaminici, per citare solo alcune delle sostanze ritrovate nelle acque, stanno interferendo con la fauna marina provocando gravi mutazioni genetiche in anfibi e pesci. Inevitabilmente, a seguito di una depurazione non adeguata e/o per una diretta dispersione di farmaci in ambienti naturali, anche i danni per l’uomo possono essere ingenti.

La comunità scientifica da tempo è attiva nella ricerca di soluzioni e ad oggi sembrerebbe aprirsi uno spiraglio di speranza efficace e 100% naturale: i pioppi mangia farmaci.

Il sorprendente risultato dello studio coordinato dall’Italia, con l’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa in collaborazione con il Centro tedesco Helmoltz di Monaco e pubblicato anche sulla rivista Science of The Total Environment, ha dimostrato che i pioppi bianchi della varietà di Populus alba clone Villafranca, già noti per le loro proprietà di accumulare metalli pesanti e sostanze xenobiotiche organiche (sostanze estranee rispetto agli organismi), sono anche capaci di assorbire, trasformare e trattenere nelle radici sostanze inquinanti di origine farmaceutica presenti nelle acque reflue urbane. Come confermano numerosi studi, le piante hanno dimostrato di essere in grado di assorbire il Diclofenac, principio attivo che si trova alla base di farmaci antinfiammatori non steroidei assai diffusi per trattare infiammazioni di carattere muscolare, e che risulta tra quelli più presenti nelle acque reflue urbane.

Finanziamenti permettendo, la proposta dei ricercatori sarebbe quella di posizionare queste straordinarie piante  a ridosso degli impianti di depurazione.

 «Capire come le piante rispondono agli inquinanti organici xenobiotici ci può aiutare a contrastare l’inquinamento in modo naturale», rileva Luca Sebastiani, direttore dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna «Nello stesso tempo – prosegue – ci permette di verificare se questi prodotti danneggiano le colture e, nel caso di specie commestibili, se si accumulano negli organi di cui l’uomo si nutre».

Una bella scoperta per l’acqua, l’aria e la vita.

The post Dall’Italia i pioppi mangia farmaci che depurano l’acqua appeared first on PeopleForPlanet.

Due piedi sinistri

Ven, 06/08/2018 - 02:13

“Due Piedi Sinistri” di Isabella Salvetti, vincitore del Premio della Giuria dei Giovani “Miglior Cortometraggio” e del Premio “Corti d’evasione”- PREMIO NICKELODEON 2016.

 

The post Due piedi sinistri appeared first on PeopleForPlanet.

Canapa light, ecco come è nato il fenomeno dell’erba che non “sballa”

Gio, 06/07/2018 - 03:45

“Articolo da collezione”. Oppure, nella versione più estesa, “prodotto destinato esclusivamente a uso tecnico e collezionistico, ad attività didattiche, dimostrative e di ricerca”. E’ con queste definizioni che attualmente vengono vendute nelle tabaccherie e nei negozi di sigarette elettroniche, ma anche nei diversi distributori automatici aperti h24 e nei molti negozi specializzati in prodotti a base di cannabis (i grow shop) che stanno aprendo in tutto il Paese, le confezioni di canapa prodotta secondo la legge 242/2016, definita “light” per il ridotto contenuto di tetraidrocannabinolo (Thc), il principio psicoattivo responsabile del noto effetto “sballo”, che non deve essere superiore allo 0,6% (percentuale che nelle più potenti erbe illegali può arrivare a superare il 20%).

Prodotto “non stupefacente”

Nelle etichette delle confezioni si pone particolare attenzione nello specificare la percentuale di Thc presente e la produzione secondo i termini di legge: “Thc <0,6% prodotto legale nel rispetto della legge 242/2016 che ne permette la coltivazione e la trasformazione destinato esclusivamente a uso tecnico, collezionistico, ad attività didattiche, dimostrative e di ricerca”. In quelle più zelanti si precisa che il prodotto non è “sottoposto alla normativa prevista dal DPR/309/90” (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti, ndr), mentre in altre si trova scritto, semplicemente, “prodotto non stupefacente”.

Non è un prodotto da combustione, eppure…

Le etichette poi continuano con altre informazioni: “Non è un prodotto alimentare, né medicinale, né farmaceutico. Non è un prodotto da combustione. Non ingerire, non inalare”. Particolarmente interessante la precisazione, presente su alcune confezioni, di “non separare il prodotto dalla confezione originale”. Come dire: l’articolo è legalmente vendibile e acquistabile, ma non deve essere aperto. Infine, a propria massima tutela, alcuni produttori declinano ogni responsabilità in caso di utilizzo diverso da quello consentito per legge. Eppure, stando a quanto raccontano i venditori di questi particolari “articoli da collezione”, l’uso principale che viene fatto della canapa light è proprio l’uso cosiddetto “ricreativo” – ovvero il consumo che se ne fa fumandola, e quindi mediante combustione – pur non essendo previsto dalla legge. Una canapa legale che grazie al basso contenuto in Thc non fa “sballare”, e che per via della presenza di un’altra sostanza, il cannabidiolo (o Cbd), induce uno stato di rilassamento.

Quanto costa?

I pacchetti vengono venduti in diverse grammature: ce ne sono da 1, 2, 5 o 10 grammi. Il costo varia da 7 euro a 12 euro al grammo circa. Il prezzo varia in base alla qualità del prodotto (ad esempio, con o senza semi all’interno, che quando bruciano scoppiettano) e alla grandezza della confezione (a parità di  prodotto la confezione più grande costa leggermente meno). La vendita è vietata ai minori di 18 anni.

Il cliente tipo

I commercianti che ormai da diversi mesi vendono la canapa light come “articolo da collezione” spiegano che il cliente tipo non è il giovane appena maggiorenne, come ci si potrebbe aspettare, ma adulti di età compresa tra i 30 e i 40 anni, anche professionisti in carriera e madri e padri di famiglia. In diversi casi gli acquirenti sono persone che in passato avevano fatto uso di cannabis illegale, magari in modo saltuario, e che ora “ripiegano” su quella legale. Quanto alle vendite, alcuni tabaccai hanno segnalato il discreto successo di vendita tramite i distributori automatici: sembra quindi che poter acquistare un articolo – per quanto legale – come la canapa light senza doversi interfacciare con il venditore risulti una strategia vincente.

La legge 242/2016

La possibilità di vendere legalmente in Italia la canapa con bassi livelli di Thc trova il proprio fondamento nella legge del 2 dicembre 2016, n. 242, “Disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa“. Il testo normativo stabilisce gli ambiti di applicazione, finalità e usi consentiti relativamente alla coltivazione di questa pianta “e il suo obiettivo non è rendere legale la canapa da fumo, bensì promuovere e far ripartire tutta la filiera di produzione della canapa in Italia”, spiega Giacomo Bulleri, avvocato esperto in materia di canapa industriale e terapeutica. All’articolo 1 della legge si legge infatti: “La presente legge reca norme per il sostegno e la promozione della coltivazione e della filiera della canapa (Cannabis sativa), quale coltura in grado di contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale in agricoltura, alla riduzione del consumo dei suoli e della desertificazione e alla perdita di biodiversità, nonché come coltura da impiegare quale possibile sostituto di colture eccedentarie e come coltura da rotazione”.

Finalità della coltivazione

Dalle coltivazioni delle piante di canapa – le cui varietà devono essere iscritte nel catalogo delle specie approvato a livello europeo – la legge precisa che è possibile ottenere diversi prodotti tra cui alimenti e cosmetici (prodotti nel rispetto delle discipline dei rispettivi settori), semilavorati di canapa (tra cui fibra, oli e carburanti); materiale organico destinato alla concimazione dei terreni, a lavori di bioingegneria o di bioedilizia; coltivazioni dedicate alle attività didattiche, dimostrative e di ricerca; coltivazioni destinate al florovivaismo. Delle infiorescenze non si parla esplicitamente, e nessun riferimento viene fatto relativamente all’impiego “ricreativo” della canapa legale venduta in questi particolari “articoli da collezione”.

Non aprite quel pacchetto!

La confezione contenente canapa a basso contenuto di Thc è quindi legalmente vendibile e acquistabile, “ma si pone la questione dell’utilizzo effettivo che ne viene fatto da parte di chi la compra. Teoricamente, in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine, qualora la confezione venisse trovata aperta si potrebbe incorrere in accertamenti perché con un semplice controllo ‘a vista’ la canapa a basso contenuto di Thc non può essere distinta dalla cannabis stupefacente“, spiega Bulleri. “Ovviamente, una volta effettuate le analisi, i bassi livelli di principio attivo in essa contenuti determinano l’archiviazione dell’ipotesi di reato: la ormai consolidata giurisprudenza penale, infatti, ha ritenuto che valori inferiori allo 0,5% non producano alcun effetto psicotropo e, conseguentemente, alcuna rilevanza penale legata al possesso di questo prodotto”.

Un vuoto legislativo

In campo normativo capita che le leggi ‘giovani’ abbiano bisogno di tempo per essere perfezionate. E il caso della legge 242/2016 è uno di questi. “Partendo dal fatto che si tratta di una legge di promozione e sostegno di una filiera produttiva volta a favorire il consumo finale dei prodotti a base di canapa in diversi settori dell’industria e dell’artigianato, questa normativa, per affermazione dello stesso ministero per le Politiche agricole, alimentari e forestali, presentava sin dall’inizio alcune zone grigie“. Sono state proprio alcune di queste “zone grigie” a dare il fondamento ad alcune interpretazioni della legge che hanno consentito il dilagare della vendita della canapa light come “articolo da collezione”: “Dal momento che ciò che non è espressamente escluso dal testo normativo è da ritenersi lecito, abbiamo assistito allo sviluppo della libera iniziativa economica da parte di molte aziende del settore sul fondamento di alcune interpretazioni giuridiche”.

 Il fenomeno “Easy Joint”

A maggio dello scorso anno la prima azienda a incunearsi in questa legge “da interpretare” e ad aprire la strada al commercio della canapa legale in Italia come “articolo da collezione” è stata Easy Joint. Un vero e proprio fenomeno sulla scia del quale sono nate oltre 1000 aziende, tra agricole e commerciali, con lo stesso scopo. “Gli operatori del settore”, afferma Bulleri, “avevano manifestato l’esigenza di una maggiore regolamentazione già nello scorso febbraio. E le istituzioni sembrano aver raccolto l’appello, come dimostrato dalla circolare del 22 maggio scorso ‘Chiarimenti sull’applicazione della legge 2 dicembre 2016, n. 242’ emanata dal Mipaaf, il ministero per le Politiche agricole, alimentari e forestali, con cui sono state rese espressamente lecite le infiorescenze in quanto rientrano nell’ambito delle coltivazioni destinate al florovivaismo, mentre la legge 242/2016 non era stata chiara riguardo questo argomento”.

Le infiorescenze

I fiori della canapa, quindi, possono essere prodotti e commerciati in modo lecito purché, ovviamente, rispettino i termini di legge – ovvero le varietà di canapa da cui provengono devono essere certificate a livello europeo e i livelli di Thc non devono superare le percentuali di legge – e non presentino sostanze dannose alla salute (per saperne di più leggi qui).

Il codice di autoregolamentazione

Un segnale della crescita dell’interesse legato alla coltivazione delle infiorescenze della canapa è il lavoro che le associazioni di categoria – Confederazione italiana agricoltori (Cia), Confagricoltura e Federcanapa – stanno facendo per arrivare a un codice di autoregolamentazione contenente le norme di buone prassi agricole che riguardano tutte le fasi della produzione della canapa (dalla semina alla raccolta, passando per i metodi di confezionamento, conservazione e stoccaggio). “L’obiettivo – spiega Bulleri, che coordina il tavolo di lavoro – è ottenere un prodotto certificato e di qualità a tutela della tracciabilità del prodotto e del consumatore”. Il progetto, presentato a Bologna lo scorso 19 maggio, è contenuto nel documento dal titolo “Disciplinare di produzione di infiorescenze di canapa sativa” che verrà pubblicato entro la fine di agosto 2018.

I limiti di Thc: una questione complessa

Per quanto riguarda il limite dei livelli di Thc nella canapa legale, secondo la legge 242/2016 deve essere inferiore allo 0,2% (come da regolamento europeo), con una tolleranza fino allo 0,6% a tutela degli agricoltori (in caso venga accertato che il contenuto di Thc sia superiore allo 0,6% l’autorità giudiziaria può disporre il sequestro o la distruzione delle coltivazioni). Dello stesso avviso è la circolare del 22 maggio emanata dal Mipaaf per quanto riguarda le piante di canapa coltivate in Italia, mentre per quanto concerne le piante di canapa importate (che devono sempre provenire dall’elenco di varietà riconosciute a livello europeo) il limite non deve superare lo 0,2%. Per quanto riguarda gli effetti psicoattivi del Thc, però, una sentenza della Cassazione ha fissato il valore massimo affinché la canapa non sia considerata stupefacente allo 0,5% (percentuale differente, seppur di poco, dallo 0,6% stabilito dalla legge 242/2016). “Un altro punto su cui in futuro – conclude Bulleri – si dovrà fare chiarezza”.

INDICE INCHIESTA CANAPA

Canapa light, ecco come è nato il fenomeno dell’erba che non “sballa”

Canapa legale: cosa dice la circolare del Ministero sulla cannabis

Le proprietà nutritive della canapa (VIDEO)

Le stupefacenti proprietà nutritive della canapa nell’alimentazione quotidiana

The post Canapa light, ecco come è nato il fenomeno dell’erba che non “sballa” appeared first on PeopleForPlanet.

Le ricette di Angela Labellarte: spaghetti con rucola e pomodorini

Gio, 06/07/2018 - 02:14

Ingredienti per 4 persone

Spaghetti 400 gr.
Rucola 80 gr.
Pomodorini 300 gr.
Acciughe 4 filetti
Aglio
Olio
Peperoncino a piacere
Pane raffermo sbriciolato 4 cucchiai
Sale q.b.


Preparazione

Sbriciolare grossolanamente il pane raffermo e rosolarlo in una padella con un cucchiaio d’olio.
In un’altra padella soffriggere aglio, olio, acciughe e peperoncino, aggiungere i pomodorini lavati e tagliati a metà e rosolare per qualche minuto.
Lessare la pasta con la rucola in abbondante acqua leggermente salata, scolare al dente, versare nella padella con i pomodorini e saltare il tutto per qualche minuto.
Impiattare la pasta e condirla con le briciole di pane fritto.

Tempo di preparazione: 20 minuti

Ph: Angela Prati

The post Le ricette di Angela Labellarte: spaghetti con rucola e pomodorini appeared first on PeopleForPlanet.

Sentenza storica dalla Ue: sì alla nozione di ‘coniuge’ per le coppie omosessuali

Mer, 06/06/2018 - 03:44

Grazie a un ricorso presentato da una coppia di coniugi, uno cittadino americano, l’altro cittadino rumeno, e ai sensi delle disposizioni del diritto dell’UE che garantisce la libertà di soggiorno dei cittadini europei e dei loro familiari negli Stati membri dell’Unione Europea, i giudici hanno stabilito che la nozione di “coniuge” comprende i coniugi dello stesso sesso. Perché neutra.

Gli Stati dell’Ue possono rifiutarsi di autorizzare il matrimonio omosessuale, ma non possono ostacolare la libertà di soggiorno di un cittadino dell’Unione negando al suo coniuge del suo stesso sesso, laddove cittadino extracomunitario, il diritto di soggiornare nel loro territorio. È questa la conclusione a cui è giunta oggi la Corte di Giustizia Ue con la sentenza nella causa C-673/16.

La causa ha per protagonisti Robert Clabourn Hamilton e Relu Adrian Coman, un cittadino americano e un cittadino rumeno, sposati legalmente a Bruxelles nel 2010.  Quando nel dicembre 2012 Hamilton ha chiesto alle autorità rumene le carte per potere soggiornare in Romania al fianco del coniuge, gli è stato risposto che tale diritto aveva una scadenza: tre mesi. Poiché la Romania non prevede il riconoscimento dei matrimoni omosessuali, Hamilton non poteva essere riconosciuto in quanto coniuge, nonostante il matrimonio regolarmente avvenuto a Bruxelles.

La coppia ha quindi presentato un ricorso ai giudici rumeni, lamentando la discriminazione di natura sessuale che ledeva il diritto sancito dall’articolo 21, paragrafo 1, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, che conferisce direttamente ai cittadini dell’Unione il diritto fondamentale e individuale di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri.

La Corte costituzionale rumena, per accertarsi che Hamilton rientri nella nozione di “coniuge” di un cittadino Ue libero di circolare e di soggiornare permanentemente negli Stati membri, si è rivolta alla Corte di giustizia europea, che ha ricordato come una misura nazionale idonea ad ostacolare l’esercizio della libera circolazione delle persone può essere giustificata solo se è conforme ai diritti fondamentali sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. La sentenza della Corte di giustizia europea non autorizza affatto – come hanno riportato alcune testate – i matrimoni omosessuali, ma ribadisce una nozione tanto ovvia quanto poco scontata, ossia che una coppia di coniugi omosessuali gode del diritto al rispetto della vita privata e familiare esattamente come una coppia di coniugi eterosessuali.

È una sentenza storica, perché squisitamente legata alla storia politico-sociale che si sta giocando in Europa e soprattutto in Italia, dove ha fatto scalpore l’affermazione del Ministro Fontana secondo il quale «le famiglie gay non esistono».

Ma è anche una sentenza linguistica, grammaticale  se vogliamo, perché la nozione di ‘coniuge’, ricordano i giudici di Lussemburgo, non ha accezione di genere, è neutra.  La parola ‘coniuge’, di per sé, presa singolarmente, non significa nulla, perché presuppone un’unione di due singoli. (dal latino coniux: cum + jungo, letteralmente “unire insieme”).

‘Coniuge’ è per altro un sostantivo, e i sostantivi indicano un’identità, senza necessariamente connotarla o caratterizzarla, altrimenti sarebbero aggettivi. ‘Coniuge’, ‘individuo’ e ‘diritto’ sono dunque sostantivi. ‘Omosessuale’, ‘gay’, eccetera sono invece trascurabilissimi aggettivi; utili, per carità. Ma ai fini di una comprensione logica della realtà, gli aggettivi sono tutto sommato irrilevanti.

A scuola, negli esercizi grammaticali di analisi logica non si sbagliavano certo gli aggettivi.  Semmai si aveva difficoltà con i verbi, con le azioni. Azioni svolte da persone, libere di circolare. Persone in circolo, e quindi, senza troppo sforzare la logica, esistenti. Con buona pace del Ministro Fontana.

The post Sentenza storica dalla Ue: sì alla nozione di ‘coniuge’ per le coppie omosessuali appeared first on PeopleForPlanet.

Ti senti Reggae?

Mer, 06/06/2018 - 02:45

The post Ti senti Reggae? appeared first on PeopleForPlanet.

Giornata Mondiale dell’Ambiente 2018: combattere la plastica!

Mar, 06/05/2018 - 02:02

E’ finalmente un addio a 10 oggetti monouso in plastica che con la proposta di direttiva varata lunedì 28 maggio dalla Commissione avranno, quando il suo iter sarà completato, il divieto di commercializzazione nell’UE. Gli oggetti plastici che saranno vietati sono quelli per i quali esistono alternative facilmente disponibili ed economicamente accessibili in altri materiali.

Per essere più precisi lo stop riguarderà oggetti comuni di plastica tra cui: stoviglie, cannucce, agitatori per bevande, bastoncini per le orecchie, aste dei palloncini, che comunque rappresentano da soli il 70% dei rifiuti in mare.

I contenitori e tazze per bevande in plastica saranno ammessi solo se tappi e coperchi rimarranno attaccati al contenitore e non è prevista neppure la messa al bando di oggetti come assorbenti e salviette umidificate, per l’impossibilità al momento di trovare valide alternative, ma i produttori dovranno indicare in etichetta quali danni può fare all’ambiente uno smaltimento non corretto. Gli Stati membri dovranno comunque fissare obiettivi nazionali di riduzione.

I produttori  inoltre dovranno a loro volta coprire i costi di gestione dei rifiuti per prodotti come mozziconi di sigaretta, palloncini in plastica e attrezzi da pesca in plastica. Non saranno bandite le reti da pesca in plastica, responsabili del 27% dell’inquinamento marino, ma i produttori dovranno contribuire a coprire i costi della raccolta nei porti di quelle abbandonate in mare e il trasporto nei centri nelle quali vengono trattate.

Ed entro il 2025 gli Stati membri dovranno raccogliere il 90% delle bottiglie di plastica monouso per bevande, anche attraverso sistemi di cauzione-deposito.

Per Bruxelles la misura, oltre a salvaguardare ambiente e salute, rappresenta anche un’opportunità economica per le aziende che grazie a incentivi pubblici dovranno creare economie di scala e diventare più competitive per piazzare beni sostenibili nei mercati globali.

Le proposte della Commissione passeranno ora al vaglio del Parlamento europeo e del Consiglio. La Commissione esorta le altre istituzioni a trattarle in via prioritaria e a dare ai cittadini europei risultati tangibili prima delle elezioni di maggio 2019.

Oggi, 5 giugno, per celebrare la giornata mondiale dell’ambiente, la Commissione lancia su questi temi anche una campagna di sensibilizzazione a livello di UE per puntare i riflettori sulla scelta dei consumatori e sul ruolo che hanno i singoli cittadini nella lotta contro l’inquinamento da plastica, microplastica (su questo tema ricordiamo la campagna di People for Planet e l’invito a firmare il nostro Manifesto) e i rifiuti marini.

Di seguito, una panoramica più ampia sulle nuove regole proposte estratto dal Comunicato stampa della Commissione. 

Misure diverse per prodotti diversi:

sarà introdotto il divieto di commercializzare determinati prodotti di plastica laddodove esistono alternative facilmente disponibili ed economicamente accessibili, i prodotti di plastica monouso saranno esclusi dal mercato. Il divieto si applicherà a bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande e aste per palloncini, tutti prodotti che dovranno essere fabbricati esclusivamente con materiali sostenibili. I contenitori per bevande in plastica monouso saranno ammessi solo se i tappi e i coperchi restano attaccati al contenitore;
obiettivi di riduzione del consumo

– gli Stati membri dovranno ridurre l’uso di contenitori per alimenti e tazze per bevande in plastica. Potranno farlo fissando obiettivi nazionali di riduzione, mettendo a disposizione prodotti alternativi presso i punti vendita, o impedendo che i prodotti di plastica monouso siano forniti gratuitamente;
obblighi per i produttori

– i produttori contribuiranno a coprire i costi di gestione e bonifica dei rifiuti, come pure i costi delle misure di sensibilizzazione per i seguenti prodotti: contenitori per alimenti, pacchetti e involucri (ad esempio, per patatine e dolciumi), contenitori e tazze per bevande, prodotti del tabacco con filtro (come i mozziconi di sigaretta), salviette umidificate, palloncini e borse di plastica in materiale leggero. sono anche previsti incentivi al settore industriale per lo sviluppo di alternative meno inquinanti;

 – entro il 2025 gli Stati membri dovranno raccogliere il 90% delle bottiglie di plastica monouso per bevande, ad esempio, introducendo sistemi di cauzione-deposito; – alcuni prodotti dovranno avere un’etichetta chiara e standardizzata che indica come devono essere smaltiti, il loro impatto negativo sull’ambiente e la presenza di plastica. Questa prescrizione si applica agli assorbenti igienici, alle salviette umidificate e ai palloncini;

– gli Stati membri dovranno sensibilizzare i consumatori all’incidenza negativa della dispersione nell’ambiente dei prodotti e degli attrezzi da pesca in plastica, ai sistemi di riutilizzo disponibili e alle migliori prassi di gestione dei rifiuti per questi prodotti.

– per gli attrezzi da pesca, che rappresentano il 27% dei rifiuti rinvenuti sulle spiagge, la Commissione punta a completare il quadro normativo vigente introducendo regimi di responsabilità del produttore per gli attrezzi da pesca contenenti plastica: i fabbricanti dovranno coprire i costi della raccolta quando questi articoli sono dismessi e conferiti agli impianti portuali di raccolta, nonché i costi del successivo trasporto e trattamento; dovranno anche coprire i costi delle misure di sensibilizzazione. Per i dettagli delle nuove norme sugli attrezzi da pesca si veda qui.

Fonti:

http://www.repubblica.it/ambiente/2018/05/28/news/stop_a_cannucce_posate_e_cotton_fioco_l_ue_mette_al_bando_la_plastica_monouso-197571729/

http://europa.eu/rapid/press-release_IP-18-3927_it.htm

Copertina: burst.shopify.com

 

The post Giornata Mondiale dell’Ambiente 2018: combattere la plastica! appeared first on PeopleForPlanet.

In futuro berremo l’acqua così?

Lun, 06/04/2018 - 04:55

Cos’è la Baldanza Cognitiva?

Lun, 06/04/2018 - 02:41

Perché consigliamo sempre ai risparmiatori di rivolgersi a una consulenza esterna (alle banche) e indipendente? Perché a costoro, retribuiti ad hoc dal risparmiatore, ci si può rivolgere con più autonomia di pensiero!
Andiamo con ordine.
Proseguendo nel cammino della finanza comportamentale parliamo questa settimana della baldanza cognitiva che è uno dei mali che affliggono il risparmiatore al cospetto degli squali bancari. Come sappiamo, le scelte di investimento avvengono in condizioni di incertezza e quindi di rischio. Ovviamente ognuno cerca di far sì che il rischio sia calcolato in modo da poterlo fronteggiare.
Questi calcoli sono basati essenzialmente su estrapolazioni del passato in vista di previsioni sul futuro. La psicologia cognitiva ha mostrato che le persone sono inguaribilmente ottimiste, hanno cioè una fiducia eccessiva nelle loro credenze e conoscenze. Questo non vuol dire genericamente che sperano che le cose vadano bene, bensì – nel senso più tecnico – che sopravvalutano il grado di fiducia che ripongono nella dimensione e precisione delle loro conoscenze o, peggio, di quelle dei loro consulenti. In altri termini peccano di presunzione cognitiva, dagli psicologi chiamata baldanza cognitiva. Si scopre quindi che anche i presunti esperti consulenti non sanno calibrare la certezza delle cose che pensano di conoscere. In sostanza ritengono di aver certezze maggiori di quelle che hanno.
Ma quelle certezze, lo abbiamo ripetuto più volte, sono anche frutto di un processo di formazione, addestramento, training e coaching cui i bancari sono sottoposti sistematicamente in maniera tale da ‘costruire’ consulenti che, come abbiamo visto, credono di essere più preparati e precisi di quanto non siano in realtà.
Non solo, ma nei confronti del consulente bancario scatta un blocco ‘psicologico’ legato al fatto che l’istituzione, il brand, che sta alle spalle dello stesso e la retribuzione fissa mensile possa essere garanzia di professionalità ed etica.
Quindi in realtà essere esperti, o credersi tali, non giova, non riduce la overconfidence ma al contrario questa viene spesso accentuata in quanto si pensa di avere un controllo maggiore degli avvenimenti .
Non è successo così anche per le cosiddette obbligazioni subordinate (per non andare troppo indietro nel tempo e ricordare i bond Argentini o Cirio)? Anche in questo caso si è incappati in due fenomeni derivanti dall’overconfidence e dalla sottovalutazione della complessità. Ma la ricerca spasmodica di rendimenti più alti, senza rendersi conto dell’insicurezza che veniva imbarcata acquistando titoli che, pur rendendo più dei Bot, erano offerti da emittenti il cui profilo di rischio era sproporzionato rispetto al rendimento, comporta che il sentiment prevale sulla analisi dei dati.
E oggi queste persone non pensano di essere state loro a prendere le decisioni sbagliate, ma di essere state fuorviate a causa di un rapporto con il consulente inadeguato.
Questo sentimento, nella giungla delle banche, è comprensibile se ci si trova di fronte un rapporto di delega formale con il consulente/venditore.
Ma si sa che spesso, anzi quasi sempre, il rapporto di delega con il consulente è informale e in tal caso c’è subdola corresponsabilità da parte delle banche che stabiliscono dapprima un rapporto friendly con il cliente, in maniera tale da fargli abbassare le barriere difensive, salvo poi fare spallucce quando le situazioni precipitano perché la decisone… è del cliente! Ricordare che sussistono sempre dei rischi connessi all’investimento e che la prudenza non è mai troppa, è l’assunto dal quale non si dovrebbe mai prescindere.
Ma con il senno di poi (ci torneremo sull’argomento) tutti sono bravi!

The post Cos’è la Baldanza Cognitiva? appeared first on PeopleForPlanet.

Questo Parlamento potrebbe approvare leggi di buon senso proposte dai cittadini?

Lun, 06/04/2018 - 02:15

Associazioni e mass media da tempo propongono leggi elementari, basate sul buon senso, che potrebbero razionalizzare, tagliare lo spreco, migliorare i servizi pubblici, leggi che qualunque italiano di buon senso approverebbe subito.
Ma la politica è sempre impegnata a realizzare grandi riforme che spesso non si concretizzano oppure creano disastri.
Noi crediamo che sarebbe il caso di iniziare dai cambiamenti più semplici, seguendo la logica del gioco dello Shangai: prima si spostano le bacchette più facili da muovere.
I cambiamenti piccoli, che danno risultati immediati, sono i più sicuri e creano un effetto positivo a valanga.

Chi cerca il consenso tende a centrare la sua attività sugli obiettivi di questo o quel gruppo sociale o ideologico. Questo porta allo scontro, alla radicalizzazione delle idee e quindi all’immobilismo.
Possiamo mettere da parte per un po’ quel che divide gli italiani e concentrarci su quello che ci trova tutti d’accordo?
Questo governo è nato in modo inconsueto e ha il forte bisogno di trovare punti di unione e di arrivare a buoni risultati alla svelta.
Quindi oggi forse è possibile che ascolti proposte che uniscano i cittadini e siano facili da capire.

Noi proponiamo a cittadini e mass media di creare insieme una lista di leggi facili. Una volta realizzata la presentiamo insieme a Governo e Parlamento, in convegno pubblico, per verificare se c’è disponibilità all’ascolto.

Cerchiamo idee per leggi che si possano approvare domani, tagliando miliardi di spreco irrazionale.
Ad esempio negli Usa, in Germania, in Canadacompri in farmacia le pastiglie sfuse, nel numero che il medico ti ha prescritto. Risparmiano denaro i cittadini e lo Stato e non si accumulano farmaci nei cassetti, con il rischio che poi vengano ingeriti impropriamente. Se in Italia il sistema funzionasse come quello tedesco o statunitense la Sanità risparmierebbe 500 milioni di euro l’anno.
Questa legge arrivò a un soffio dall’approvazione nel 2006, poi se la dimenticarono…

Hai una legge da proporre? redazione@peopleforplanet.it

Leggi qui tutte le proposte di People For Planet al governo

The post Questo Parlamento potrebbe approvare leggi di buon senso proposte dai cittadini? appeared first on PeopleForPlanet.

Caccia e Agricoltura: diventare bracconieri per necessità?

Dom, 06/03/2018 - 04:11

Qualche decina di milioni di euro di danni all’agricoltura ogni anno. Questa la denuncia degli agricoltori a fronte dell’emergenza cinghiali. E finora un’unica soluzione: aprire il fuoco da bracconieri.

Cosa c’entrano gli agricoltori con la caccia? Molto: gli agricoltori vengono incolpati dagli ambientalisti e dai cacciatori di fare pressioni politiche per diminuire la fauna selvatica.

E nei fatti è così: sono gli agricoltori a organizzare sit-in e proteste di piazza per chiedere di ridimensionare gli ungulati (cioè gli animali dotati di zoccoli: cinghiali, caprioli e quant’altro) perché danneggiano le colture e tendono a impoverire il suolo.

Non hanno tutti i torti, ed è il punto di partenza di questa inchiesta: la sovrapopolazione di ungulati in certe zone d’Italia, alcune delle quali storicamente libere da questi animali, portano danni e pericoli non indifferenti. La legge prevederebbe un rimborso: che però in molti casi pare non arrivi. Su una cosa gli agricoltori sono d’accordo con tutte le altre parti in causa: i soldi che i cacciatori pagano alle regioni devono essere investiti in questo senso, per rimborsare le perdite ingenti.

Abbiamo chiesto dettagli a Landolfo di Napoli, Responsabile settore Caccia di Confagricoltura, a partire dalla proposta fatta agli agricoltori, nel corso di questa inchiesta, dal Wwf. Isabella Pratesi ha ipotizzato di risolvere il sovrappopolamento degli ungulati dando a voi il compito di catturarli, rinchiuderli, allevarli e macellarli.

“Un discorso totalmente assurdo. Se li devo macellare, piuttosto gli sparo subito – risponde di Napoli -. Evitandomi così i costi aggiuntivi. Si tratta tra l’altro di specie che portano malattie pericolose, sarebbero da vaccinare volendoli allevare, e servirebbe tutta una serie di controlli. Un grosso pericolo legato alla presenza dei cinghiali è la peste suina, di cui non si parla ma è alle porte: in Slovenia, Ungheria, Polonia. Se arriva la peste saltano tutti allevamenti di suini italiani. Salta un’economia. Forse il discorso andrebbe affrontato in modo meno superficiale. Nessuno dice che i cinghiali debbano essere sterminati, ma riportati alla giusta consistenza sì, e in aree vocate. Si deve poi affrontare anche la questione dei parchi, dove i cinghiali e gli altri ungulati vanno a rifugiarsi e non possono più essere toccati. Tornando alla proposta del Wwf: non serve alzare barricate ideologiche contro la categoria dei cacciatori per fare realmente del bene all’ambiente. Si devono sentire tutte le parti in causa e agire nel modo più razionale dal punto di vista pratico ed economico, oltre che ambientalista”.

Parlando allora seriamente di biodiversità: una ricchezza in reale pericolo… gli ambientalisti vi accusano di fare pressioni politiche per eliminare gli animali selvatici e di impoverire il suolo e inquinarlo per via dei metodi intensivi usati per coltivare. “Questo vale per le zone a monocultura e sono d’accordo che sarebbe giusto favorire la rotazione. Il periodo della monocultura spinta è passato, perché tutti abbiamo capito che impoverisce il territorio danneggiando noi prima di tutto. Non abbiamo interesse a impoverire il suolo che ci sfama, e oggi le monoculture sono diminuite, sono molto molto meno di un tempo. Si fa anche maggiore attenzione ai prodotti che si utilizzano, proprio per non impoverire e per non danneggiare gli insetti impollinatori. L’impollinazione serve all’agricoltore: il 90% dei prodotti che vendiamo è il risultato di impollinazione”.

Come si potrebbe favorire la rotazione? “Dando aiuti economici agli agricoltori che lo fanno”.

Dovrebbe essere favorito e incentivato il biologico? “Il vero biologico sì. Purtroppo passa per bio tanta roba che non lo è. Non sempre ci sono controlli”.

Come si può scegliere bene? “E’ difficilissimo: non tutte le certificazioni sono reali. Il ministero dovrebbe controllare contro le frodi, controllare gli enti di controllo: spesso purtroppo – ad esempio – si fa uso di pesticidi non ammessi o si eccede nei limiti. Molto spesso”.

Torniamo all’emergenza cinghiali e ungulati. Siete d’accordo con un intervento dei cacciatori? “Siamo d’accordo che l’emergenza vada affrontata, e che la colpa sia diffusa. Quasi tutte le categorie hanno colpe in questa situazione: l’amministrazione che ignora il problema, i cacciatori che hanno foraggiato e foraggiano gli ungulati. E poi la cattiva gestione degli atc, gli ambiti territoriali di caccia, nei quali gli agricoltori dovrebbero rientrare a pieno titolo e che invece di fatto sono gestiti – contrariamente alla legge – solo dai cacciatori”.

Quale è l’entità dei danni che l’eccesso di ungulati sta causando all’agricoltura? “Qualche decina di milioni all’anno. Le statistiche ufficiali non sono attendibili, e questo dipende dal fatto che i danni della fauna non vengono rimborsati, come invece dovrebbero, agli agricoltori. Di conseguenza gli agricoltori non denunciano neanche più. Se sono fortunatissimo e rientro nei rimborsi, nei regimi de minimis sono previsti in tre anni non più di 15mila euro. Ma le aziende agricole li superano di molto, e in genere appunto non prendono nulla. Sto facendo una statistica: secondo i miei dati, il 90% dei danneggiati non fa denuncia, perché sa che è inutile. Peggio: ci sono dei costi per fare denuncia. Tra i più attivi a protestare contro questo stato delle cose ci sono stati l’anno scorso gli agricoltori del Chianti. È un problema reale. L’anno scorso la grave siccità ha spinto cinghiali e caprioli a entrare nelle vigne per mangiare l’uva come risorsa idrica: la vendemmia l’hanno fatta loro. Servono abbattimenti mirati, serve affrontare la questione”.

Altrimenti va a finire che gli agricoltori “sistemano” le cose da soli… “Ecco, vogliamo evitare il bracconaggio? Allora risolviamo, perché chiaramente va a finire cosi. Si spara senza controllo perché ci sono troppi animali. In più, la legge 842 permette di cacciare nel fondo degli altri: è una legge da cambiare. In Austria, per fare un esempio, nelle grandi aziende si creano delle riserve di caccia, le piccole si consorziano e fanno lo stesso, e quindi si ha la possibilità di gestire la caccia, considerando anche l’interesse dell’agricoltore, per il quale è un’entrata aggiuntiva che in più permette un controllo delle popolazioni di animali. In Italia c’è solo un gran casino che svantaggia tutti, compresi gli animali. Il buonismo è un falso ecologismo: troppa pressione di animali significa prima di tutto un pericolo per le altre specie e per la flora”.

Cosa ne pensa della proposta che Marco Franolich, presidente dell’Ente produttori Selvaggina, ha avanzato sul nostro giornale? Ovvero: convogliare i soldi delle licenze dei cacciatori, o almeno una parte, nelle mani degli agricoltori, al fine di rimborsarli? Sarebbe un’opzione tampone?

“Non si può essere in disaccordo, tenendo presente che i cacciatori pagano nelle licenze una parte di tasse che dovrebbero andare alle Regioni, che a loro volta dovrebbero girali agli atc per pagare i danni all’agricoltura. Le Regioni invece, alle quali sono stati tagliati i fondi, se li incamerano e li usano per fare le rotonde in strada. Sono fondi non destinati, li incamerano nel bilancio e spariscono. La proposta di Franolich sarebbe un grosso aiuto, se applicata: un primo passo”.

INDICE INCHIESTA CACCIA

Emergenza cinghiali: aprire la caccia o non aprire la caccia?

Incontriamo un cacciatore

Incontriamo un’associazione ambientalista, il WWF

Incontriamo un esperto di conservazione

Incontriamo l’ambientalista-cacciatore

 

The post Caccia e Agricoltura: diventare bracconieri per necessità? appeared first on PeopleForPlanet.

Canapa legale: cosa dice la circolare del Ministero sulla cannabis

Sab, 06/02/2018 - 04:37

Rintracciabilità della filiera, Thc limitato e libera commercializzazione delle piante di cannabis come prodotto florovivaistico, comprese le infiorescenze. Queste le tre tematiche principali che ha affrontato qualche giorno fa il Ministero delle Politiche Agricole, diramando una circolare per fare chiarezza su alcuni punti della legge 242 del 2016 che ha permesso la coltivazione e creazione della filiera agroindustriale della cannabis sativa.

La legge ha aperto a un nuovo settore che, a quanto racconta il Manifesto, ha coinvolto in poco tempo più di mille aziende, agricole e commerciali. Una vera e propria New canapa economy”, come l’ha definita recentemente nel suo studio sul settore la Coldiretti, che stima che nel 2018 saranno più di 4 mila gli ettari coltivati a canapa, con “produzioni che vanno dalla ricotta agli eco-mattoni isolanti, dall’olio antinfiammatorio alle bioplastiche, fino a semi, fiori per tisane, pasta, biscotti e cosmetici” (ne abbiamo parlato anche su People For Planet qui)

Un settore in espansione che ha bisogno di una regolamentazione, anche per tutelare i consumatori.

La circolare pubblicata da poco dal Ministero ribadisce il limite che il contenuto di principio attivo psicotropo nella cannabis che viene coltivata, il Thc, non deve superare lo 0,2%, come definito anche dalle norme comunitarie.

Si specifica anche che le infiorescenze, pur non essendo state esplicitamente citate dalla legge del 2016, possono rientrare nell’ambito delle coltivazioni destinate al florovivaismo e sono quindi ammesse. A tre condizioni: che siano derivate da varietà autorizzate, che non superino il limite di Thc e che non contengano sostanze dannose per la salute.

Vengono infine vietate le talee e il loro commercio, anche per garantire la tracciabilità della coltivazione, e ribadita la libertà di coltivazione di specie da seme certificato.

Il Ministero ha voluto quindi far chiarezza su alcune tematiche, in particolare riguardo alle infiorescenze, sul quale gli stessi addetti ai lavori hanno sentito il bisogno di autoregolamentarsi, tanto che alcuni hanno stilato un disciplinare al quale si può aderire su base volontaria, con lo scopo di creare una filiera che garantisca tracciabilità e qualità.

The post Canapa legale: cosa dice la circolare del Ministero sulla cannabis appeared first on PeopleForPlanet.

Scuola, innovazione e ambiente

Sab, 06/02/2018 - 04:22

Qui ragazzi tra i 14 e i 16 anni imparano, tra le altre cose, anche la riparazione dei motori e l’installazione dei kit per il retrofit elettrico.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_132"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/132/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/132/output/retrofit-elettrico-2.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/132/retrofit-elettrico-2.mp4' } ] } })

Clicca sul tag per vedere tutti gli articoli sul retrofit elettrico

The post Scuola, innovazione e ambiente appeared first on PeopleForPlanet.

Antigravity Fitness

Ven, 06/01/2018 - 02:52

 

Le lezioni Antigravity sono diventate, negli ultimi anni, le più amate nelle palestre milanesi. Il fascino di allenarsi sospesi da terra e i movimenti lenti e controllati del corpo, permettono di tonificare i muscoli in modo intenso e armonioso.

Continua a leggere su 3GOODNEWS

The post Antigravity Fitness appeared first on PeopleForPlanet.

Share this