Servizio di informazione, ricerca di informazioni, consigli tecnici, risparmio energetico, impianti panelli solari, analisi di investimento, reperimento delle migliori offerte per auto, abitazioni, indagini, inchieste di mercato, sondaggi, servizio informazioni globale per famiglie, pareri legali, professionisti e aziende, ottimizzazione siti web, servizi di pubblicità su internet (creazione campagne adword's e facebook), redazione comunicati stampa mirati, realizzazione video ricordo, eventi in italia, consulenze

E' OBBLIGATORIO RISPONDERE AL CENSIMENTO? COSA SUCCEDE SE NON LO RESTITUISCO COMPILATO?

E' iniziato il 9 ottobre 2011 il  15° censimento nazionale, fate bene i compiti!

A cadenza decennale, i Censimenti offrono un'immagine dettagliata dell'Italia come nessun'altra indagine può fare. Garantiscono una lettura del territorio secondo criteri uniformi e questo permette di realizzare policy consapevoli e mirate.

In particolare, il Censimento dell'agricoltura e quello della popolazione e delle abitazioni consentono di confrontare le caratteristiche dell'Italia con quelle degli altri Paesi europei poiché vengono realizzati secondo regole condivise.

A ottobre 2010 ha preso il via il 6° Censimento dell'agricoltura. I dati provvisori regionali e nazionali sono diffusi a partire dal 5 luglio 2011. A ottobre 2011 avrà luogo il 15°Censimento della popolazione e delle abitazioni. I primi risultati verranno diffusi a partire dalla primavera 2012. Infine, il 9°Censimento dell'industria e dei servizi sarà realizzato a maggio 2012.

Ad oggi il questionario del 15° Censimento della popolazione è stato recapitato a più di 22 milioni e mezzo di famiglie.

Tocca ora ai rilevatori, riconoscibili da un tesserino, consegnare a mano i questionari a coloro che, per motivi diversi, non sia stato possibile raggiungere per posta. Chi ha già ricevuto il questionario può compilarlo via web, utilizzando la password stampata sulla prima pagina del modello ricevuto a casa; chi sceglie di compilarlo su carta può restituirlo presso un qualsiasi ufficio postale o ai centri di raccolta del Comune di residenza. Chi non ha ancora ricevuto il questionario dovrà attendere la consegna da parte del rilevatore comunale.
Partecipa al Censimento e disegna l'Italia di domani.
I dati raccolti saranno utili per cogliere i cambiamenti in atto nel Paese e orientare le politiche economiche, sociali ed ambientali. Le informazioni che fornirai saranno doppiamente protette: dal segreto statistico e dalla legge sulla privacy.

Entro quale termine va consegnato il questionario?
Il termine di scadenza della consegna del questionario da parte dei cittadini - informa l'Istat - sarà differente a seconda dell'ampiezza del Comune di residenza, come di seguito indicato:
entro il 31 dicembre 2011: nei comuni con meno di 20.000 abitanti;


entro il 31 gennaio 2012: nei comuni compresi tra 20.000 e 150.000 abitanti;


entro il 29 febbraio 2012: nei comuni maggiori di 150.000 abitanti.

Tuttavia, dal 21 novembre 2011 e fino al 29 febbraio 2012 parte la fase di completamento della rilevazione sul campo a cura dei rilevatori, che dovranno recuperare i questionari non restituiti, rilevare le famiglie non iscritte nelle liste anagrafiche al 31 dicembre 2010, rilevare le abitazioni non occupate.
Ecco quindi che è preferibile attuare la compilazione del questionario entro il 20 novembre.

Compilare  il questionario del censimento, oltre ad essere un’obbligo “morale” davanti allo stato che ogni cittadino è tenuto ad adempiere, è sancito come obbligo dal Decreto Legislativo 322 del 1989 che all’articolo 7, rubricato “Obbligo di fornire dati statistici“, comma 3 recita :

      3. Coloro che, richiesti di dati e notizie ai sensi del comma 1, non li forniscano, ovvero li forniscono scientemente errati o incompleti, sono soggetti ad una sanzione amministrativa pecuniaria, nella misura di cui all’art. 11, che è applicata secondo il procedimento ivi previsto.

Quindi compilando, scientemente o “di proposito“, il questionario in maniera errata o incompleta, si incappa in nella sanzione amministrativa pecuniaria — una multa — definita nell’articolo 11 dello stesso D. Lgs. che, rubricato “Sanzioni Amministrative”  sancisce:

Le sanzioni amministrative pecuniarie, di cui all’art. 7, sono stabilite:
nella misura minima di lire quattrocentomila e massima di lire quattromilioni per le violazioni da parte di persone fisiche; nella misura minima di lire un milione e massima di lire diecimilioni per le violazioni da parte di enti e società.
L’accertamento delle violazioni, ai fini dell’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie, è effettuato dagli uffici di statistica, facenti parte del Sistema statistico nazionale di cui all’art. 2, che siano venuti a conoscenza della violazione.

Il competente ufficio di statistica redige motivato rapporto in ordine alla violazione e, previa contestazione degli addebiti agli interessati secondo il procedimento di cui agli articoli 13 e seguenti della legge 24 novembre 1981, n. 689, lo trasmette al prefetto della provincia, il quale procede ai sensi dell’art. 18 e seguenti della medesima legge. Dell’apertura del procedimento è data comunicazione all’ISTAT.
Sorvolando sulle procedure di rilevazione dell’illecito  la multa relativa parte da un minimo di circa 200€ (400.000 Lire) fino ad un massimo di 2.000€ (4 Milioni di Lire).


Per qualsiasi chiarimento è possibile:

1. rivolgersi al numero verde gratuito 800.069.701; il servizio è attivo dal 1° ottobre 2011 al 29 febbraio 2012 (tranne il 25 dicembre 2011 e il 1° gennaio 2012), sabato e domenica inclusi, dalle ore 9:00 alle ore 19:00 e nel periodo 9 ottobre-19 novembre 2011 dalle ore 8:00 alle ore 22:00;

2. scrivere alla casella di posta elettronica infocens2011@istat.it;

3. andare in uno dei Centri comunali di raccolta istituiti presso il Comune di appartenenza (l'elenco è sul sito http://censimentopopolazione.istat.it).

-Sul sito http://censimentopopolazione.istat.it ci sono anche le informazioni sulla compilazione del questionario, le principali tappe del censimento, le iniziative sul territorio e quelle dedicate ai giovani.
-Ricorda che puoi iniziare e completare la compilazione on line, oppure sospenderla e riprenderla in un secondo momento.

-Rispondi alle domande in totale tranquillità: l'Istat adotta misure rigorose di protezione dei tuoi dati, secondo la normativa nazionale e gli standard internazionali.


Codice utente e password

Per compilare il questionario online hai bisogno del codice utente e della password: il codice utente è il codice fiscale del membro della famiglia cui è intestato il questionario inviato a casa, mentre la password si trova sulla prima pagina dello stesso, in basso a destra. Attenzione a rispettare le lettere maiuscole e quelle minuscole.

Fonti e Link Utili

http://www.istat.it/it/censimento-popolazione-e-abitazi/censimento-popol...

http://www.istat.it/it/archivio/42137

http://www.atomodelmale.it/2011/10/17/multe-censimento-e-data-massima-di...

http://www.istat.it/it/censimento-popolazione-e-abitazi

Share this