Servizio di informazione, ricerca di informazioni, consigli tecnici, risparmio energetico, impianti panelli solari, analisi di investimento, reperimento delle migliori offerte per auto, abitazioni, indagini, inchieste di mercato, sondaggi, servizio informazioni globale per famiglie, pareri legali, professionisti e aziende, ottimizzazione siti web, servizi di pubblicità su internet (creazione campagne adword's e facebook), redazione comunicati stampa mirati, realizzazione video ricordo, eventi in italia, consulenze

APPROFONDIMENTO- TUTTO SULL'IPERICO

iperico-IPERICO, HYPERICUM PERFORATUM  o Erba di San Giovanni
Famiglia delle Hypericaceae, Guttiferae
L’iperico è un arbusto perenne, alto circa 50 cm, ha foglie piccoli e fiori giallo molto intenso. I fiori tradizionalmente si raccolgono la notte di San Giovanni, 24 giugno, all’alba.
 Dall’ipericina, pigmento rosso contenuto nell’ Iperico, che dona il tipico colore all’olio, deriva il nome di erba di San Giovanni in quanto il rosso ricorda il sangue versato dal Santo fatto decapitare da Salome’.
Invece la  festa e la raccolta il giorno di San Giovanni si rifa’ ad un rito pagano dei Germani, i quali usavano addobbare con l’iperico fiorito i luoghi dove festeggiavano il solstizio d’estate.
Si dice sia una pianta scaccia diavoli, per questo il nome di hypericum che significa "sopra l’immagine", per l’uso antico di appenderla sopra un’immagine sacra per allontanare i demoni del male , perforatum perche’ in controluce le foglie sembrano perforate.

-USO ESTERNO

Olio di iperioco, Olio di S. Giovanni

leggi anche che cosa è l’olio di Iperico
 
I fiori tradizionalmente si raccolgono la notte di San Giovanni, 24 giugno, all’alba. Si mettono a macerare in un barattolo di olio di oliva esposto al sole per 42 giorni, poi filtrato con un panno di cotone pulito. E’ efficace contro punture di insetti, api e vespe, ustioni, piaghe (abbiamo osservato risultati quasi miracolosi su piaghe da chemioterapia), contusioni, storte, lividi. Sostituisce l’alcool per disinfettare le ferite.
E’ particolarmente efficace contro alcuni funghi della pelle, in particolare quelli che colpiscono il glande (la punta del pene) del maschio.
Ha proprietà coagulanti. Ingerito per bocca, una decina di gocce, ha un effetto calmante e antidolorifico. Ma su questo uso alcuni ricercatori hanno espresso dubbi sulla possibilità di effetti collaterali.
Unica controindicazione certa il fatto che annulla l’efficacia  dei farmaci anticoncezionali a base ormonale, come anche i preparati per uso interno., come recita chiaramente qualsiasi foglietto di istruzioni per la pillola.

- PRODOTTI DERIVATI DALL’ IPERICO PER USO INTERNO

In Germania esistono molte specialità medicinali a base di Iperico registrate dal Ministero della Sanità per la cura della depressione lieve e moderata, depressione stagionale e depressione da sindrome climaterica. Utilizzabile anche nei pazienti affetti da attacchi di panico. è disponibile come specialità medicinale con obbligo di prescrizione medica.
L'Iperico ha un'azione calmante, migliora il tono dell'umore e la facile irritabilità. Recenti studi clinici hanno confermato che tanto i sintomi depressivi (umore depresso, ansia, perdita di interesse, sensazione di inutilità, minore attività) quanto i sintomi secondari (disturbi del sonno, mancanza di concentrazione, disturbi fisici) migliorano significativamente. Essi hanno inoltre confermato la completa assenza di effetti collaterali nella terapia con l'Iperico.
In Italia si possono trovare in commercio (farmacia o erboristeria) preparati a base di erbe per la conciliazione del sonno e per la stimolazione dell’appetito, che contengono anche iperico.
 Controindicazioni
Evitare l’uso  a  dosi elevate, l'iperico può impedire l'assimilazione di quanto transita nello stomaco ed intestino, impedendo la funzione di farmaci entro le due-tre ore dalla sua assunzione,
Pericoloso nell’uso dei farmaci salvavita e nei farmaci per la cura dell’ Aids.
L’uso  e a dosi elevate provoca Fotosensibilizzazione soprattutto   in persone con la carnagione chiara, sulle parti di cute esposte al sole con arrossamento, bruciore e prurito. L’incidenza degli effetti collaterali è del 2,4%.   Controindicato per anziani Ipertesi, con  Malattie Cardiovascolari, e nei gravi cefalgici.
Pericoloso se si  assumono regolarmente  antidepressivi appartenenti alla famiglia delle Monoaminossidasi Imao, se associato a sostanze che contengono IMAO,  può provocare la sindrome serotoninergica (agitazione, confusione mentale, ipomania, turbe della pressione arteriosa, tachicardia, brividi, ipertermia, tremori, rigidità, diarrea).  Non va associato con   inalanti asmatici e decongestionanti nasali .  Inoltre l'iperico può interagire con i contraccettivi orali, gli anticolesterolo e gli immunosoppressori usati nei pazienti trapiantati, riducendone l'efficacia. In determinate situazioni è sufficiente un'unica somministrazione a causare problemi. Per questo l'uso dell'iperico deve essere sempre valutato rispetto ad altre terapie in corso e comunicato al medico.
-La dose letale per bocca nel ratto è superiore a 3 g per kg di peso.

Gravidanza ed allattamento:

Usare con prudenza. Non si riscontrano effetti collaterali nella gravidanza per assunzioni di piccole dosi. Per il momento non sono stati riscontrati neanche effetti nei bambini nutriti con latte materno qualora la madre abbia fatto uso di questa pianta medicinale in quantità moderate. In entrambi i casi, esiste tuttavia il rischio che sorgano problemi. Pertanto per l’assunzione di qualsiasi preparato all’infuori dell’olio per uso ESTERNO è sempre consigliabile l'uso  dopo aver consultato il medico. Ricordarsi che  è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età. Consultare sempre il pediatra.

 
 

Share this