Servizio di informazione, ricerca di informazioni, consigli tecnici, risparmio energetico, impianti panelli solari, analisi di investimento, reperimento delle migliori offerte per auto, abitazioni, indagini, inchieste di mercato, sondaggi, servizio informazioni globale per famiglie, pareri legali, professionisti e aziende, ottimizzazione siti web, servizi di pubblicità su internet (creazione campagne adword's e facebook), redazione comunicati stampa mirati, realizzazione video ricordo, eventi in italia, consulenze

LEGAMBIENTE PREMIA LA LIBERA UNIVERSITA' DI ALCATRAZ- STRUTTURA RICETTIVA AMICA DEL CLIMA

(ANSA) - GUBBIO (PERUGIA), 21 APR - Legambiente ha premiato stamani la Libera Universita' di Alcatraz come struttura ricettiva ''amica del clima''.

Il riconoscimento e' stato consegnato a Jacopo Fo per l'efficienza, il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili realizzati nella sua struttura di Gubbio. Da due anni Alcatraz produce piu' energia di quella che consuma.

All'evento erano presenti anche il presidente di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, Franca Rame e Dario Fo, e la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini. (ANSA).

 

 

Premiata oggi Alcatraz di Jacopo Fo

come struttura ricettiva “amica del clima”

 

E Legambiente Turismo presenta i dati sui risparmi degli ecoalberghi: un milione di metri cubi di acqua, 2400 mwh di energia e 3.590 tonnellate di CO2 in meno nel 2010

Legambiente ha premiato questa mattina la Libera Università di Alcatraz come struttura ricettiva “amica del clima”, un riconoscimento consegnato a Jacopo Fo per l’efficienza, il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili realizzati nella sua struttura di Gubbio.

All’evento erano presenti, oltre al presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, anche Franca Rame e Dario Fo, Catiuscia Marini, presidente della Giunta Regionale dell'Umbria, Luigi Rambelli, presidente nazionale di Legambiente Turismo e Alessandra Paciotto, presidente di Legambiente Umbria.

“La costanza con la quale, da 30 anni, ad Alcatraz, si lavora alla tutela dell’ambiente e della biodiversità, alla riduzione dei consumi energetici e idrici, alla corretta gestione dei rifiuti ha prodotto risultati importanti e garantito al centro una sostenibilità a tutto tondo - ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza -. Se tutte le strutture ricettive d’Italia adottassero, anche solo in parte, gli accorgimenti e le tecnologie messi in opera nella Libera Università, il loro contributo alla riduzione di CO2 e alla lotta contro l’effetto serra e ai cambiamenti climatici potrebbe essere davvero notevole. E’ anche grazie ad attività come queste che l’Italia può fare a meno del nucleare”.

Da due anni, infatti, Alcatraz - che è anche un centro dimostrativo delle eco tecnologie - produce più energia di quella che consuma. L’energia elettrica è prodotta da 4 impianti fotovoltaici per 27,5 kw complessivi ed è in corso di realizzazione un quinto impianto da 50 kw. Le lampadine sono ad alto risparmio e a led. Cinque impianti solari termici forniscono l’80% dell’acqua calda. Il riscaldamento è prodotto da due caldaie a scarti di legna e da due caldaie a gas ad alta efficienza. Le case sono state ristrutturate per aumentare l’efficienza energetica, ottenendo un risparmio di combustibile del 50%. Anche i consumi idrici sono stati ridotti della metà; Alcatraz è dotata di riduttori del flusso dell’acqua dei rubinetti e delle docce, impianti duali per lo scarico dei wc, due impianti di fitodepurazione delle acque nere. Inoltre, la Libera Università ricicla o riusa l’80% dei rifiuti e pratica il compostaggio. Ha recuperato a oliveto, frutteto e pascolo 400 mila metri quadrati di terreni abbandonati e realizzato 370 mila metri quadrati di rimboschimento.

Nel corso dell’incontro sono anche stati illustrati i risultati della ricerca sui risparmi di acqua, energia e CO2 ottenuti grazie alle buone pratiche realizzate dalle strutture aderenti a Legambiente Turismo in Umbria e in Italia.

La ricerca nazionale - svolta sulle 426 strutture associate nel 2010 con 62.740 posti letto e 6.500.000 presenze annue - evidenzia come, con misure semplici ma efficaci, siano stati raggiunti risultati molto significativi:un risparmio annuale di quasi un milione di metri cubi d'acqua (955.216); di 2394 Mwh di energia elettrica e gas metano per il riscaldamento dell'acqua e di 2,3 MWh grazie all'installazione di lampadine ad alta efficienza; il calo dei rifiuti e delle monodosi alimentari e igieniche (76,0 tonnellate di plastica in meno). Considerando le varie fonti di risparmio, la riduzione delle emissioni è di oltre 3500 tonnellate/anno di anidride carbonica.

Secondo una proiezione di Legambiente Turismo sul totale delle presenze turistiche in Italia in un anno (circa 400milioni di pernottamenti), se le buone pratiche fossero adottate da tutte strutture ricettive del Paese, la CO2 verrebbe ridotta di oltre 200mila tonnellate. Il settore turistico potrebbe risparmiare oltre 54 milioni di metri cubi di acqua potabile; più di 3 milioni di Mwh di energia e 1216 tonnellate di plastica.

 

Fonte articolo:  comunicato stampa leambiente

Share this