Servizio di informazione, ricerca di informazioni, consigli tecnici, risparmio energetico, impianti panelli solari, analisi di investimento, reperimento delle migliori offerte per auto, abitazioni, indagini, inchieste di mercato, sondaggi, servizio informazioni globale per famiglie, pareri legali, professionisti e aziende, ottimizzazione siti web, servizi di pubblicità su internet (creazione campagne adword's e facebook), redazione comunicati stampa mirati, realizzazione video ricordo, eventi in italia, consulenze

Buone nuove sul solare fotovoltaico: E' ancora conviente installare un impianto sul tetto di casa propria?

 

DI SIMONE CANOVA, JACOPO FO, GABRIELLA CANOVA E MARIA CRISTINA DALBOSCO
 

Molti dei siti che regolarmente consultiamo per la stesura di Cacao stanno battendo la notizia che in Italia, stando a quanto ha rilevato Legambiente nel rapporto Comuni Rinnovabili 2012, il 95% dei Comuni italiani si è dotato di almeno un impianto per produrre energia elettrica da fonte rinnovabile. Si è passati dai 3.190 del 2008 a 6.993 del 2010 fino ai 7.986 Comuni odierni. 23 di questi hanno abbandonato le fonti fossili e sono 100% rinnovabili.

Cresce anche la produzione: in Italia il 26,6% dei consumi energetici viene soddisfatto con fonti verdi, dal solare all'eolico, dalle biomasse alla geotermia, all'idroelettrico.
Se vi piacciono i numeri, qui ne trovate altri, suddivisi per fonti energetiche.
Un'altra notizia comparsa qualche settimana fa classificava il nostro Paese al primo posto in Europa e al terzo nel mondo per potenza fotovoltaica installata. Con i nostri 13 GWh e oltre 341mila impianti in funzione abbiamo superato la Germania, il Giappone, la Spagna, gli Stati Uniti e addirittura la Cina.
Tutto ciò nonostante siano stati emanati ben quattro diversi "Conti Energia" e si stia parlando proprio in questi giorni del quinto.
Ma oggi, per una famiglia italiana, è ancora conveniente installare un impianto fotovoltaico?
Lo abbiamo chiesto alla maggiore esperta di energie rinnovabili che conosciamo, Maria Cristina Dalbosco, che ha la scrivania di fianco alla mia.
Da oltre 5 anni Maria Cristina, con il prezioso e fondamentale supporto di Sebastian, organizza, gestisce e coordina il Gruppo d'acquisto di pannelli fotovoltaici che ha all'attivo oltre 250 impianti.

- Ciao Cri, quando abbiamo lanciato il Gruppo d'acquisto del fotovoltaico abbiamo scelto lo slogan “Pannelli solari a costo zero”. Cosa significa? E soprattutto, oggi, con il quarto “Conto Energia”, è ancora così?

Sì, Simone, è ancora così... anzi, malgrado i vari interventi che ogni volta hanno diminuito le tariffe incentivanti, possiamo dire non solo che l'investimento è ancora a "costo zero" ma anche che oggi è persino più conveniente di 5 anni fa - quando in Italia è decollato il fotovoltaico grazie al decreto del 19 febbraio 2007.

- Cosa vuol dire per un famiglia installare un impianto fotovoltaico? Quanto costa? Quanto tempo ci vuole? Quando arrivano i primi rimborsi del Conto Energia? Se installo un impianto pago ancora le bollette elettriche?

L'installazione di un impianto è oggi molto semplice, perché ormai tutti gli "operatori" del settore, oltre a gran parte dei fruitori, sanno molto bene di cosa si sta parlando; e la formula "chiavi in mano", lanciata con lungimiranza 5 anni fa da Jacopo, è oggi l'offerta classica di qualsiasi installatore. I costi dei materiali nel tempo sono molto calati, direi più che dimezzati, e oggi un impianto domestico senza particolari criticità ha un costo ormai inferiore ai 3.000 euro (iva compresa) per kWp.
Dal momento in cui ci si decide di diventare produttori - pur nel nostro piccolo! - di energia pulita al momento in cui l'impianto è finito possono passare da 6 a 10 settimane circa, mentre i primi "rimborsi", vale a dire la tariffa incentivante da parte del GSE, arrivano dopo mediamente 6 mesi dal termine dei lavori di installazione.
Mi chiedi delle bollette: sì, i consumi si pagano in bolletta. Dal 2009 lo "scambio sul posto" è infatti un "rimborso", nel senso che viene restituito l'equivalente di quanto pagato corrispondente al valore dell'energia immessa in rete (meno l'iva e un po' di accise...). In pratica: io pago, ma poiché immetto in rete l'energia prodotta e non consumata, il GSE mi restituisce il valore di quanto conferito (oltre alla tariffa del Conto Energia, ovviamente!)

- Come faccio a sapere se casa mia, se il mio tetto, è adatto all'installazione di pannelli fotovoltaici?

Grazie alla collaborazione con CO2-online - una società non profit tedesca, sponsorizzata dal Governo federale - abbiamo potuto predisporre un veloce e semplicissimo questionario on-line che permette di inserire, in modalità assolutamente anonima, i dati relativi ai consumi, al tipo di abitazione, ecc. Solo al termine della procedura - che può essere ripetuta più volte - è data la possibilità di inserire la propria mail e ricevere in tal modo un pdf con l'esito di questa "consulenza on-line".

- E se invece ho un pezzo di terra che non uso?

La consulenza on-line, benché pensata in particolare per tetti, è compilabile anche da chi desidera un impianto a terra. E comunque Sebastian, il nostro collaboratore responsabile dei rapporti con gli aderenti al Gruppo, è sempre disponibile a offrire ulteriori informazioni sia per mail sia per telefono.

- Cosa mi offre in più il Gruppo d'acquisto rispetto ad altre aziende?

Il fatto che non vendiamo e non installiamo impianti! Il nostro è un servizio "terzo", di interfaccia tra l'utente e l'azienda, che mette a disposizione di chi si rivolge a noi tutta l'esperienza di una rete di professionisti ormai più che collaudati e fidati, oltre a una convenzione con Banca Etica per il finanziamento degli impianti fino ai 10 kWp. E il tutto senza chiedere un centesimo ai nostri aderenti!

- Qualche anticipazione sul quinto Conto Energia?

Ho avuto modo di vedere una prima bozza... Ora, è chiaro che un abbassamento delle tariffe del Conto Energia non ci fa fare i salti di gioia... Tuttavia ho provato a fare delle simulazioni sui tempi di rientro della spesa iniziale e la convenienza - se anche si confermassero i  nuovi incentivi - è ancora così alta (tra i 10 e i 12 anni) da non far dubitare di una diffusione del fotovoltaico ancora in crescita per i prossimi anni. Di più non vorrei dire, anche perché, fino al momento del licenziamento del testo definitivo, faremmo solo ipotesi... e un po' di dietrologia...

- Tra qualche settimana lanceremo anche il gruppo d'acquisto per gli impianti eolici e mini-eolici. Anche in questo caso sono previsti incentivi statali?

Sì, ai primi di aprile abbiamo l'incontro definitivo con un'azienda con cui lavoriamo da tempo sul fotovoltaico: si tratta di un gruppo di giovani ingeneri, molto preparati, seri e affidabili, con cui metteremo a punto gli ultimi dettagli relativi all'iter di partecipazione per l'installazione di impianti micro- e mini-eolici... Ma su questo spero di poterti concedere una prossima intervista!

Allora a prestissimo: per il momento grazie, e buon lavoro

Per maggiori informazioni sul Gruppo d'acquisto Pannelli solari fotovoltaici clicca qui

 

Fonte:  www.cacaoonline.it/

Share this